aspettando godot logo

Aspettando Godot su FacebookAspettando Godot su You Tube Aspettango Godot su Twitter

Rassegna d'Autore e d'Amore

BORDIGHERA 2014 - 2015 - 2016 - 2017 - 2018

Rassegna Storica Nuova Canzone d'Autore

FERRARA 2012 - 2013 - 2014 - 2015 - 2016 - 2017 - 2018

   
Home   Siamo e Proponiamo   Claudio Rocchi
  Era il bassista dei mitici Stormy Six all'epoca in cui realizzarono il loro primo album nel 1969.

Successivamente scelse la carriera solista esordendo nel 1970 con Viaggio, album totalmente acustico, che vede la partecipazione di Mauro Pagani al flauto e al violino: l'album ottiene il premio della critica discografica oltre a buoni riscontri di vendite, grazie anche agli spazi radiofonici che il cantautore trova nella trasmissione Per voi giovani, ideata da Renzo Arbore e condotta da paolo Giaccio, Mario Luzzatto Fegiz e Carlo Massarini.

Il secondo album, Volo Magico n.1 del '71 è realizzato con un valido gruppo di musicisti tra cui spicca alla chitarra elettrica un giovanissimo Alberto Camerini, allora semplice session-man.

L'album contiene una suite che occupa l'intero lato A, caratterizzata da un ipnotico crescendo, mentre la seconda facciata contiene tra gli altri forse il suo brano-manifesto, il brevissimo ma pregnante La realtà non esiste.

L'anno successivo pubblica La norma del cielo, Volo Magico n.2 un altro bel lavoro, per metà tratto dalle stesse session del disco precedente e tre nuovi brani: Lascia Gesù, L'arancia è un frutto d'acqua e La norma del cielo.

L'album del 1973, Essenza, viene realizzato in larga parte improvvisando in studio, sull'onda delle emozioni ed esperienze riportate dal viaggio in India dell'anno precedente. Da notare la partecipazione all'album di Elio D'Anna (Osanna) al flauto e Mino Di Martino (ex Giganti) alla chitarra acustica.

Nel 1974 pubblica Il miele dei pianeti, le isole, le api, realizzato con i membri del gruppo Aktuala e il percussionista indiano Trilok Gurtu.
Nella seconda metà degli anni 70, con album quali Rocchi e Suoni di frontiera, viene abbandonata la dimensione canzone, per avvicinarsi all'uso dell'elettronica e della sperimentazione. (Liberamente tratto da Wikipedia)

Dopo un certo periodo di silenzio,  Claudio Rocchi è recentemente ritornato all'attenzione generale con un nuovo disco "In Alto", inciso per la storica e leggendaria etichetta Cramps.

Il nuovo lavoro di Rocchi è il trampolino di lancio ideale per una stagione ricca di esibizioni Live in cui sarà possibile ascoltare anche altre diverse canzoni del suo vasto repertorio, ben diciannove album alle spalle,  una produzione discografica che rispecchia fedelmente il percorso, ambizioni spirituali e contraddizioni di un artista tra i originali e significativi del nostro panorama musicale.

Claudio Rocchi trova posto a pieno diritto tra le figure più significative della Storica Canzone d'Autore Italiana.

 

 

Claudio Rocchi - In Alto

Claudio Rocchi partecipa alla Prima Rassegna Storica e Nuova Canzone d'Autore Fabrizio De Andrè

www.claudiorocchi.com

Claudio Rocchi - Premio Amilcare Rambaldi alla carriera 2012 con questa motivazione:

A  CLAUDIO ROCCHI 

Per avere contribuito in maniera determinante alla nascita della storica canzone d’autore italiana, sperimentandone  ad altissimi livelli il  percorso musicale e facendolo andare di pari passo con la ricerca mistica e spirituale con cui l’uomo cerca il senso di sé nell’universo in cui si ritrova a vivere. Per avere tradotto tutto questo in musica e parole  in cui l’anelito esistenziale ha creato una perfetta fusione con la ricerca musicale. Per averci trascinato in un autentico “Volo Magico nell’anima del cosmo”, e in diverse strade in cui andare a cercare noi stessi… Per essere l’artista più poliedrico della storica canzone d’autore italiana, per non essersimai limitato a teorizzare, ma andando a vivere e sperimentare di persona ogni verso delle sue canzoni. 

A Claudio Rocchi il premio Amilcare Rambaldi alla carriera, da parte degli amici di sempre..

  

Il 18 Giugno 2013 Claudio Rocchi ci ha lasciati. Il suo nome e le sue canzoni rimangono  nel cuore della generazione che ha visto la stessa sua Prima Luna...