aspettando godot logo

Aspettando Godot su FacebookAspettando Godot su You Tube Aspettango Godot su Twitter

Rassegna d'Autore e d'Amore

BORDIGHERA 2014 - 2015 - 2016 - 2017 - 2018

Rassegna Storica Nuova Canzone d'Autore

FERRARA 2012 - 2013 - 2014 - 2015 - 2016 - 2017 - 2018

   
Home   Siamo e Proponiamo   Goran Kuzminac
  Un'inverno incontro a Madonna di Campiglio Francesco De Gregori, che aveva appena finito di registrare Rimmel. Lui è quello che ha "Veramente" buttato un sasso nel mio stagno musicale, generando onde che fino ad ora non si sono mai calmate. L'anno dopo, firmai il mio primo contratto discografico, credendo di aver "svoltato", senza sapere che allora bastava bussare alla porta di una qualunque etichetta, che ti facevano subito firmare senza problemi.

In pratica qualunque cosa tu producessi, era loro... ed in cambio assolutamente nulla! Il mondo si divideva tra quelli che avevano già registrato un disco e quelli che invece stavano nel limbo.

Goran Kuzminac proposto in concerto da Aspettando Godot

GORAN KUZMINAC


Ma intanto affinavo la mia tecnica chitarristica, bilanciavo meglio il volume della voce con quello della chitarra, imparavo accordi e giri armonici nuovi. Ascoltavo un sacco di musica.

Con le gambe tremanti, iniziai la mia esperienza dal vivo, facendo da "spalla" a tutti quelli che me lo permettevano. Sono stati anni duri quelli fine settanta. Politica dura e violenta, atmosfera cupa. Brigate rosse e polizia.
Anni di Contestazioni e di autoriduttori, botte da orbi tutte le sere, processi pubblici sul palcoscenico ai cantanti. Ho imparato il "Live" in quell'epoca, ed è stata una lezione durissima ma fondamentale. Finalmente dopo un inesistente primo 45giri dal titolo:"Io" con i primi rudimenti del finger style, esce "Stasera l'aria è fresca". Era iniziato il periodo delle radio libere. Tanta voglia di musica.

 

Erano tutti DJ improvvisati. Si trasmetteva dalle soffitte e dalle cantine. Ognuno aveva i suoi dischi preferiti, e li portava con sè anche in vacanza. E la musica girava eccome! E cosi' "stasera l'aria e' fresca" prese piano piano il volo. Prima a macchia di leopardo, poi su tutta la penisola.
 Passano infatti quasi due anni prima dall'uscita del primo LP :"Ehi ci stai". A quello segui' :"Prove di volo" l'anno dopo, e poi i vari Q concert ed il bagno di folla e di popolarità.

Il vecchio ed "illuminato" direttore della RCA se ne era andato, ed al suo posto era subentrato un "Commerciale".
Erano gli anni ottanta, quelli della "Disco-music". Le batterie elettroniche, i sintetizzatori, l'immagine al posto del contenuto. Tutto si stava trasformando. Eravamo piu' americani noi degli americani stessi. Le radio si stavano trasformando da libere in Network commerciali, e le etichette discografiche Italiane trovavano piu' conveniente mettere sul mercato prodotti statunitensi già confezionati, che produrre qualcosa di nuovo.
Cosi' smisi di cercare un contratto stabile. Le canzoni che scrivi devi però fotografarle prima che invecchino troppo. Uscì così "Contrabbandieri di musica" con un'etichetta minore ed un investimento fallimentare, ma che servi' ad ungere la mia voglia di scrivere qualcosa di nuovo. Da lì tutto il resto è stato facile.

 

Mi ero sganciato dal: "DEVO" fare un disco, ed ero entrato nel:"HO VOGLIA DI" produrre qualcosa di nuovo.
L'era informatica che avanzava, permetteva di ridurre i costi di produzione, e per me che non vendevo una copia fu una manna.
Negli ultimi anni,  le cose sono andate pian piano cambiando per me. C'è stato un salto generazionale, è intervenuta l'era dei "Media", la crisi della discografia, ed una sorta di perdita di contenuti "Reali" nel nostro modo di vivere. I concerti sono sempre meno, dischi non se ne vendono ed è difficile trovare qualcosa che non sia una pazzesca compilation negli I-Pod degli adolescenti.


Sono diventato storico e, in qualche oscuro modo quasi un "Vecchio saggio" della canzone italiana. I miei dischi escono ad intervalli fisiologici.
Prima vivo la mia vita, nel modo piu' intenso possibile per avere qualcosa di nuovo qualcosa da raccontare.
La domanda che mi viene più spesso rivolta è perchè non sono piu' conosciuto, trasmesso, programmato?
Se siete arrivati a leggere fino a qui, la risposta la sapete già:
Non telefono ai politici, ho un pessimo carattere, e sono l'ultimo degli idealisti...

Liberamente tratto www.gorankuzminac.it

 

 

 

 

 

 

 

 

Per organizzare un concerto con Goran Kuzminac contatta l'associazione